Il Secolo XIX - 08/05/2003
Leggi la pagina originale sul sito de Il Secolo XIX, in formato pdf (per gli utenti registrati), oppure in formato testo.

Il Signore degli Anelli, in gioco

Il Secolo XIX, ogni settimana un appuntamento con le recensioni e gli appuntamenti ludici della Liguria, curate da Paolo Fasce Curiosamente nel nostro paese sono praticamente sconosciuti i nomi degli autori di giochi. Se ci pensiamo bene, comprare un gioco è un po’ come acquistare un libro, ambito nel quale pochi si accontentano dell’efficacia di un bel titolo. Il nome dell’autore è sempre in bella evidenza giacché un testo di Stephen King o di Andrea Camilleri è certamente più appetibile di quello di un Paolo Bianchi qualsiasi. Reiner Knizia è un validissimo autore, molto prolifico e vincitore per ben tre volte del premio Deutscher Spiele Preis, in Germania, la patria dei giochi di società. Forse i titoli più famosi di questa leggenda vivente sono Tigri ed Eufrate, Le città perdute e Samurai. Oggi è sul mercato con il gioco di carte del Signore degli Anelli, edito da Ravensburger (www.ravensburger.it) e il gioco di società de Il Signore degli Anelli (www.editricegiochi.it). Il Signore degli Anelli, edito da Editrice Giochi Questa doverosa premessa è necessaria per spiegare che, talvolta, dietro un titolo che si vende da sé, a causa dell’ambientazione che funge da traino, ci sono professionisti seri e preparati che offrono, quindi, tutte le garanzie di un ricco e piacevole divertimento. E’ chiaramente il caso dei giochi che abbiamo citato ai quali, recentemente, si aggiungono le naturali prosecuzioni dovute alla seconda puntata del film dedicato alla celebre opera di J.R. Tolkien. Ravensburger ha infatti prodotto “Il Signore degli Anelli – Le due torri”, mentre Editrice Giochi ha risposto con “Sauron”, un’espansione del gioco base dove l’Oscuro Signore viene interpretato da uno dei giocatori e che, naturalmente, ha il compito di contrastare la Compagnia dell’Anello nel suo cammino verso il monte Fato. il gioco di carte de Il Signore degli Anelli, di Ravensburger Nel gioco di società base, Reiner Knizia ha saputo proporre un meccanismo innovativo, che permette di seguire fedelmente lo svolgimento del romanzo, ma anche il suo spirito, grazie alle illustrazioni di John Howe. “Siate coraggiosi, perché solo grazie al vostro intervento la Terra di Mezzo potrà essere salvata dall'oscuro potere di Sauron!” recita la presentazione del gioco che può coinvolgere da 2 a cinque giocatori, consigliato per una fascia d’età superiore ai quattordici anni e che promette di impegnare un’intera serata. Sauron, edito da Editrice Giochi Il nome dell’autore, l’efficacia dell’ambientazione, la cura dei materiali e il seguito naturale di cui gode un titolo del genere, fa dei prodotti di Editrice Giochi un temibile concorrente non solo per I coloni di Catan (il gioco di società che maggiormente ha saputo imporsi nell’ultimo decennio), ma probabilmente anche del Risiko! Il Signore degli Anelli - Le due torri, di Ravensburger Il gioco di carte è, per natura, molto più veloce e la tempistica prevista è quella di 30-45 minuti, il che lo rende adatto per sfide alla spiaggia oppure in treno anche se le regole previste per la partita a due rendono il gioco meno attraente. Per questo genere di sfide Nexus Editrice (www.nexusgames.com) propone un gioco di carte collezionabili dai meccanismi consolidati del genere. Si tratta di un gioco Decipher, casa produttrice dei GCC di Star Trek e di Star Wars.

Paolo Fasce (paolo@fasce.it)