Le pagine personali di
Paolo Fasce

Sito ottimizzato per una risoluzione dello schermo di 1024*768 pixel.
E' stato pubblicato questo:

Appena lo trovo... ce lo metto!

Ho scritto quanto segue:

From: Paolo Fasce
To: Lettere@ilsecoloxix.it
Subject: Sulle code...
Date sent: Mon, 5 Feb 2001 21:13:44 +0100

Ho avuto modo di seguire la diatriba a proposito delle modalita' con le quali vengono gestite le code presso gli sportelli postali che, recentemente, sono passati dal numerino, alla coda unica.
Si tratta, a mio modesto parere, di una legittima scelta tra due possibili politiche, la prima (numerino) atta a soddisfare il cliente dal punto di vista della "qualita' della vita" durante l'attesa in coda, la seconda invece tende a minimizzare i tempi di attesa e quindi, comunque, a soddisfare un aspetto forse piu' concreto.
Personalmente sono portato a credere che l'investimento bruciato per l'acquisto delle macchine (numerini) sia stato sufficiente deterrente rispetto alle persone che hanno dovuto fare una tale scelta. In buona sostanza, sono convinto, fino a prova contraria, che se quella scelta e' stata fatta, e' stata ben ponderata.
Quello che non capisco, pero', e' come sia possibile che ci siano enti pubblici presso i quali non sia perfettamente inserita nel loro dna questa "cultura di servizio" e cioe' la massima soddisfazione del cliente.
Coda unica, o numerino, si tratta sempre di politica al servizio dell'utente, cosa che manca in maniera totale presso l'ufficio passaporti della questura di Genova dove, pur essendoci gli spazi utili all'implementazione di questi sistemi, non si e' ancora pensato ad adottarne uno. Mi sono lamentato di questo fatto, giacche' penso che il primo dovere del cittadino sia segnalare queste disfunzioni acciocche' chi gestisce una struttura, dalle critiche possa trarre le necessarie conclusioni, ma mi e' stato risposto che piu' volte e' stato riportata ai piani superiori questa esigenza, invano. Mi permetto di dedurre che ai piani superiori sono sordi a semplici istanze di "perseguimento di obbiettivi di qualita'" e pertanto, e' necessario parlare ad alta voce, cosa che spero con questa mia, dalle pagine di un giornale, di essere in grado di fare.
In tutta sincerita' devo pero' manifestare la mia soddisfazione per i tempi di consegna di questo documento che sono ormai veramente fulminei. In fondo, a questo punto, si chiede un ben piccolo sforzo.