Le pagine personali di
Paolo Fasce

Sito ottimizzato per una risoluzione dello schermo di 1024*768 pixel.

Ricetta del pesto

Per prima cosa procuratevi una sorella che vi passi delle pianticelle di basilico che ha coltivato nel giardino. Poi abbiate cura di frequentare la festa di fine anno dell'asilo di vostra figlia la quale avrà coltivato essa stessa delle piantine di basilico, prezzemolo ed erba cipollina nell'ambito di un qualsiasi progetto UNICEF grazie al quale si costruirà una scuola in un paese lontano (diciamo, per esempio, l'Angola). Acquistate le piantine di basilico coltivate (grazie al lavoro minorile) da vostra figlia.

Prima ancora avrete cura di predisporre il terreno dove coltivare dette pianticelle che dovranno essere alimentate dai vostri rifiuti organici, con la tecnica del compostaggio domestico.

Fatto tutto ciò, prendete le foglioline del basilico che avete appositamente coltivato, lavatele con cura (conservate l'acqua con la quale avete lavato le foglioline, per innaffiare le piante dell'orto). Mettete nel frullatore (va beh... non è un frullatore, ma come cavolo si chiami non lo ricordo, se non per una marca che non mi va di dire) le foglioline di basilico, poi aggiungete formaggio grattugiato (sia esso parmigiano reggiano o grana padano, con un'aggiunta di formaggio sardo). Occorre infine: qualche pinolo, una o due noci, uno spicchio d'aglio e un po' di sale (perché non diventi poi scuro). Frullate tutto (insomma, non è un frullatore, ma "mulinexizzate tutto" non mi piace).

Per le quantità, utilizzate lo strumento più raffinato che la natura ha saputo produrre: il vostro occhio.

Se volete, potete mettere il prodotto delle vostre fatiche nel contenitore del ghiaccio. In questo modo potete mettere il pesto nel vostro congelatore e utilizzarlo in dose automaticamente predisposte monopersonali. Se in famiglia siete più d'uno, fate qualche calcolo...
Tengo a riconoscere che questo trucchetto del pesto nel congelatore a cubetti me lo ha insegnato mia sorella.

Buon appetito!

Torna alla pagina delle ricette.