Le pagine personali di
Paolo Fasce

Sito ottimizzato per una risoluzione dello schermo di 1024*768 pixel.

Comincio con elucubrazioni e variazioni sul tema di mia elaborazione...

  • L'automobilista è identico al paguro, tolta la conchiglia resta un verme.
  • Dio è il Babbo Natale degli adulti.
  • Il cervello è l'esatto contrario di un angolo. Quando si apre diventa acuto, quando si chiude diventa ottuso.
  • Il denaro e' acqua. Se scorre porta vita; se ristagna, avvelena.
  • Per uno scienziato la matematica è una bella donna generosa che si regala volentieri e che molti allieta. Per un matematico, la matematica è la Santa Vergine Maria: perfetta, intoccabile e... di un altro mondo.
  • Nessun uomo potrà mai leggere lo stesso libro.
  • Giustizia è lasciare tutti equamente insoddisfatti.
  • La politica è un gioco con le sue regole. Spesso gli idealisti che si siedono al suo tavolo, pretendono di giocare a Monopoli usando i carri armati del Risiko.
  • In ogni situazione, possibilmente, comportati con gli altri (fai agli altri) come vorresti che gli altri si comportassero (facessero) con (a) te.
  • Alla sega mentale, spesso segue un'eiaculazione mentale.
  • L'eiaculazione mentale senza una sega mentale è una polluzione mentale.
  • Se non lo so, lo posso imparare.
  • La perfezione è un arcipelago in mezzo all'oceano. Per tendere a lei quando si è lontani tutti prendono la stessa direzione, quando ci si è in mezzo, ciascuno prende la propria.
  • L'intelligenza emotiva è stata inventata da qualcuno che voleva salvaguardare la propria autostima.
  • Essere intelligenti non significa avere una grande cultura. (completa quella più celebre di Eraclito che cito più sotto).
  • Il cielo stellato sopra di me, la legge morale la negozio con te (stravolge quella ben piu' celebre di Kant).
  • La vita è un uovo di Pasqua. La sorpresa è una cagata, ma il cioccolato è buono.
  • Chi gioca, sta facendo matematica.
  • Viviamo in un transitorio permanente.
  • Poco si progredisce nella vita se non si sono presi, nell'ambito di uno spazio di autonomia nel quale si esercitano delle libere scelte, dei salutari calci in faccia.

    Questa l'ha sparata mio padre:

  • Le cose facili sono quelle che si sanno fare, le cose difficili sono quelle che non si sanno fare.

    Mentre mio nonno (non che siano sue...) ripeteva sempre:

  • Bisogna pensarci prima...
  • Non vuoi mangiare XXX? Tunn' ha 'n corpo.
  • La legge di Grock: ... appena ho 2 minuti ... è davvero interessante!

    Per gli insegnanti, ho trovato simpatiche/utili/illuminanti le seguenti:

  • "Il buon insegnamento è per un quarto preparazione e tre quarti teatro" (Galileo Galilei)
  • "Gli uomini, mentre insegnano, imparano" (Seneca)
  • "Le persone si dividono in due categorie, quelle che dicono 'non hai capito' e quelle che dicono 'non mi sono spiegato'" (Anonimo)
  • "Insegnare i dettagli significa portare confusione. Stabilire la relazione tra le cose, significa portare la conoscenza" (Maria Montessori)
  • "Non si insegna quello che si vuole, dirò addirittura che non si insegna quello che si sa o quello che si crede di sapere: si insegna e si può insegnare solo quello che si è" (Jean Jaurès)
  • "Quando insegni, insegna allo stesso tempo a dubitare di ciò che insegni" (Ortega y Gasset)
  • "Gli uomini nascono ignoranti, non stupidi; la stupidità è il risultato dell'educazione" (Bertrand Russell)
  • "Il bambino non è un vaso da riempire, ma è un fuoco da accendere" (F. Rabelais)
  • "La scuola non deve limitarsi all'istruzione, ma deve appoggiarsi su due colonne, il lavoro intellettuale e il giuco educativo" (Sergei Hessen)
  • "L'istruzione è l'arte di rendere l'uomo etico" (Friedrich Hegel)
  • "Coloro che fanno distinzione fra intrattenimento ed educazione forse non sanno che l'educazione deve essere divertente e il divertimento deve essere educativo" (Marshall McLuhan)

    E trovo che queste altre, ciascuna per il suo verso, siano illuminanti:

  • "Sciusciâ e sciorbî no se peu" (detto genovese)
  • "La terra non la ereditiamo dai nostri padri, ma l'abbiamo a prestito dai nostri figli" (Indiani nativi d'America)
  • "La pena che i buoni devono scontare per l'indifferenza alla cosa pubblica è quella di essere governati da uomini malvagi" (Platone)
  • "L'unica gioia del mondo è cominciare. E' bello vivere perchè vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante" (Cesare Pavese)
  • "Il mito del computer va combattuto. Inchinarsi alla superiorità dell'elaboratore sarebbe come lodare gli scalpelli di Michelangelo, ignorando il genio dell'artista" (John Eccles)
  • "Quot homines tot sententiae" (Terenzio). A questa massima, che uso come firma nei miei messaggi di posta elettronica, un amico ha aggiunto "Due ebrei, tre opinioni".
  • "La terra ha risorse sufficienti per i bisogni di tutti, ma non per l'avidità di tutti" (Gandhi).
  • "ll più certo modo di celare agli altri i confini del proprio sapere è di non trapassarli" (Giacomo Leopardi)
  • "Non si può risolvere un problema usando lo stesso modo di pensare che ha creato quel problema" (Albert Einstein)
  • "Due cose sono infinite: l'universo e la stupidita' umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi" (Albert Einstein)
  • "Questo Paese non si salverà, la grande stagione dei diritti risulterà effimera, se non nascerà in Italia un nuovo senso del dovere" (Aldo Moro, 20.3.1976)
  • "Per ogni problema complesso, c'e` sempre una soluzione semplice. Ed e` sbagliata" (George Bernard Shaw)
  • "Avere una grande cultura non significa essere intelligenti" (Eraclito)

    Queste hanno a che fare con il mondo dei giochi:

  • "L’uomo è molto più vicino a se stesso quando raggiunge la serietà di un bambino che gioca" (Eraclito)
  • "I giochi dei bambini non sono giochi, e bisogna considerarli come le loro azioni più serie" (Michel Eyquem de Montaigne)
  • "Una persona sana è quella che sa lavorare, giocare e amare bene" (Gordon W. Allport, "Pattern and growth in personality" 1961)
  • "Aveva inventato un sistema infallibile per perdere alla roulette" (Woody Allen)
  • "Chi ritiene che l?invenzione della ruota sia una benedizione per il genere umano, non ha mai perduto, evidentemente, la camicia alla roulette" (Anonimo)
  • "Con le carte in mano, tutti gli uomini sono uguali" (Nikolaj Gogol)
  • "Da piccolo ero il tipo di bambino con il quale mia madre mi diceva di non giocare mai" (Leopold Fetchner)
  • "Dio non gioca a dadi con il mondo" (Albert Einstein)
  • "I bambini giocano a fare i soldati. Ma perché i soldati giocano a fare i bambini?" (Karl Kraus)
  • "I giochi mettono i filosofi in imbarazzo" (Leonardo Sinisgalli)
  • "Il gioco d'azzardo è il figlio dell'avidità, fratello dell'iniquità, padre del male" (George Washington)
  • "La matematica è un gioco e comunica totale magia" (Anagramma di Mister Aster)
  • "La vita è un grande gioco che ci ritroviamo a praticare, senza conoscere bene le sue regole e senza sapere con certezza quale premio sia previsto alla fine" (Pensierone)
  • "L'uomo gioca soltanto quando è uomo nel significato più pieno del termine, ed è interamente uomo soltanto quando gioca" (Friedrich von Schiller)
  • "L'uomo non smette di giocare perché invecchia, ma invecchia perché smette di giocare" (George Bernard Shaw)
  • "Non solo Dio gioca a dadi, ma a volte li lancia dove non li possiamo vedere" (Stephen Hawking)
  • "Quando il gioco si fa duro, i duri entrano in gioco" (John Belushi)
  • "Quaranta carte si sostituiscono all?ordine divino" (Jorge Luis Borges)
  • "Se ci tengo a fare qualcosa, non lo chiamo lavoro" (Richard Bach)
  • "Se la roulette è truccata, di sicuro perderete. Se la roulette non è truccata, probabilmente perderete" (Bertrand Russell)
  • "Se non giochi non vinci, ma sicuramente risparmi" (Arthur Bloch)
  • "Si può scoprire di più su una persona in un'ora di gioco, che in un anno di conversazione" (Platone)
  • "Credo nella purificazione dell'anima attraverso il gioco e il divertimento" (Erlend Loe)
  • "Tieni il lino lontano dal fuoco, la gioventù dal gioco d'azzardo" (Benjamin Franklin)
  • "Il gioco d'azzardo corrompe le nostre disposizioni e ci insegna l'abitudine all'ostilità verso il genere umano" (Thomas Jefferson
  • "Se non individui la schiappa entro la prima mezz'ora di gioco, significa che la schiappa sei tu" (Il giocatore di poker Matt Damon in "Il giocatore")
  • "La freddezza di un giocatore che perde quasi sempre, diminuisce il piacere del vincitore" (William Congreve, Bardsey, 1670 Londra, 1729)
  • "Noi dovremmo essere venuti al mondo per dividere il pane con i più poveri, far giocare i bambini e dare una cuccia agli animali" (Emanuele Trevi, "Istruzioni per l'uso del lupo")
  • "Bisogna sempre giocare lealmente? almeno quando si hanno in mano le carte vincenti" (Oscar Wilde)
  • "The chess board is the world, the pieces are the phenomena of the universe, the rules of the game are what we call the laws of Nature. The player on the other side is hidden from us. We know that his play is always fair, just and patient. But we also know, to our cost, that he never overlooks a mistake, or makes the smallest allowance for ignorance" (Thomas Henry Huxley)
  • "I am a design chauvinist. I believe that good design is magical and not to be lightly tinkered with. The difference between a great design and a lousy one is in the meshing of the thousand details that either fit or don't, and the spirit of the passionate intellect that has tied them together, or tried. That's why programming-- or buying software-- on the basis of "lists of features" is a doomed and misguided effort. The features can be thrown together, as in a garbage can, or carefully laid together and interwoven in elegant unification, as in APL, or the Forth language, or the game of chess" (Ted Nelson)
  • "Ciò che si chiama gioco è un insieme di restrizioni volontarie. (Roger Caillois, Reims, 1913 - Parigi, 1978).
  • "Per giocare a golf non è necessario essere stupidi però aiuta" (George Bernard Shaw).
  • "Il gioco d?azzardo è il contrario del gioco, ed è assurdo che abbia lo stesso nome" (Valerio Magrelli)
  • "Per i piccoli, il gioco è serio al pari di un vero lavoro" (Giovanni Pascoli)
  • "La vita è troppo breve per gli scacchi" (Henry J. Byron)
  • "È bello veder giocare. Si imparano verità insospettate" (Massimo Bontempelli)
  • "il gioco è il primo grande educatore" (Lord Baden-Powell)
  • "Niente si fa per gioco, ma tutto attraverso il gioco" (Lord Baden-Powell)
  • "Il bambino che non gioca non è un bambino, ma l'adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sè" (Pablo Neruda)
  • "Queste regole sono semplicissime, le capirebbe un bambino di quattro anni. Chico, vammi a trovare un bambino di quattro anni che io non ci capisco niente" (Groucho Marx)
  • "A mio avviso il golf è un modo costoso di giocare alle biglie" (Gilbert K. Chesterton)
  • "Nel regno della matematica pura, nella teoria dei numeri in particolare, la mente mortale gioca. Impone a sé stessa regole e costrizioni estremamente rigorose; eppure conosce una libertà, un'astensione dai compromessi normalmente concesse soltanto agli dei. Questo spiega l'intuizione attribuita dalla leggenda a Pitagora, secondo la quale la mente umana "fa musica" quando si impegna nella matematica pura, o le identificazioni proposte da Aristotele fra la matematica e il divino" (G. Steiner)